Er Gatto Poesia di Giacomo Pagnucci

Er Gatto

 

Fra tutte le bestie ladre e le feline

er gatto, er più birbante è sempre stato,

con l’occhi furbi che sembran lanternine

basti ti guardi e t’à bell’e ffregato!

 

A girá di notte è da minchioni

e se tu ‘ncontri un can si fa vedé

e ‘nvece er gatto, vedi du’ lampioni

e va’ a sapé un po’ tu er gatto induv’è?

 

Un gatto lo chiami, ma sa’, un n’importa.

Magari mangiasse e ddebbiti o pasticci,

ma po’ te li caerebbe in sulla porta…

Io bonin, mi toccherebbe anco pulicci!

 

È ladro se pagasse anco er noleggio:

è lì che fa le fusa e via via ingolle,

ma se un ci guardi ti scopre anco l’aveggio,

se c’è la ciccia, la mangia anco se bolle.

 

Ti sta in ciglieri, si mette fisso a ‘n buo,

arrota e bbaffi e chien er pelo ritto,

aspetta er topo, ni par che sia già suo,

è capace che quello è già in soffitto.

 

È ‘n pelandron che par sia nato in caffo:

ni basta ‘i dipaná quarcosa ‘i bon,

se te la vòr fregá, è più bona a sbaffo!

Mi par che sia ma furbo, no minchion!

 

Ti si mette in d’una sala, in d’un salotto

accoccolato su ‘na portrona e lì ti guarda,

par che ti dii: “Io ci sto ben, o sciabigotto”;

ce la trovi in d’u[n] canton po’ bella ‘arda.

 

Ma co’ ragassi, come ce la sa fá:  si fa lisciá er pelo, caresse a quer mo’ lì,

fra succarti in dele gambe e ignaulá

tanto ni buttan un osso a ripulí.

 

M’entrò in der tascapan dela ‘orassion,

lo lasciai lì e ‘ndei un po’ po’ alla sparta:

mi mangiò la mortatella el lassaron,

un ci lasciò, chi accèi, neanco la ‘arta!

 

Se vede un can, arrampia in su ‘na pianta

e po’ ni fa “pipiro” ‘ome e bbalocchi,

er can un sa montá e lu’ lo canta;

se scende con quelle granfie ni ‘ava l’occhi.

 

Una vorta lo buttai da un finestron

e ‘rivò in terra tutta una volata.

Lo sai, mi gonfiò: «Come tu sei minchion!»,

mi fece er verso co’‘na scodissorata.

 

Questo ni feci qua[n]d’ero piccolin:

legai a un filo un topo farso,

ni missi lì vicin a un buettin

e po’ aspettai che er gatto fusse apparso.

 

E ‘n quer tempo t’entrò er sornacchion,

er pan che avevo in man, lo posai sur tavolin

per vedé se mangiava er topo in un boccon;

si sbafò er pan e fece: «Un son cretin!».

 

Un ti vole scappá nenco a dí «Ciao»,

della massaia in cucina è ‘r su’ tormento,

ni montan sulla ‘oda e lu’ fa “mao”,

te la vòr chiené stesa, invece è dentro.

 

Dìan che er gatto di cipolle un campa;

provate a chiudelo strinto in d’una stansa:

delle cipolle un ce ne lascia stampa,

apritini e vedete un ci n’avvansa.

 

Lo vedete a occhi chiusi er dormiglion

e ‘[n]vece pensa a quarchedun fregato,

mettetini lì un coscio o ‘n porpetton:

allora vedete se dorme o se è svegliato.

 

Come beschia felina un ci schersate,

sapete, è ‘n po’ parente d’una vorpe:

ti frega, ma po’ un ti vòr le ‘orpe

e le fatie se l’è sempre scansate.

Giacomo Pagnucci

20 Gennaio 1981